LeReel: la crema anti età alla bava di lumaca

maggio 17, 2017 Non attivi Di Claudio

Creme e prodotti a base di bava di lumaca: una moda oppure una scoperta innovativa?

Viene da chiederselo, visto che negli ultimi tempi sono decisamente aumentati i cosmetici in commercio che hanno come ingrediente principale questa sostanza naturale, che lascia però un po’ perplessi. In effetti, non può definirsi come una vera e propria scoperta poiché se ci si rivolge alle famiglie contadine di una volta, si scopre che già da tempi remoti essi usavano applicare questa sostanza sulla pelle, avendone sperimentato i benefici che apportava.

Una sorta di leggenda, che quindi potrebbe avere un fondo di verità, racconta che secoli fà ci si accorse che coloro che maneggiavano le chiocciole destinate al mercato alimentare avevano una pelle molto più morbida e sana dei loro colleghi che trattavano altre merci. Parliamo di rigenerazione dei tessuti, guarigione delle cicatrici e, in generale, di un visibile miglioramento della cute per la maggior parte dei suoi problemi.

Ma come si ricava la bava di lumaca e come deve essere utilizzata?

benefici e funzionamento bava lumacaInnanzitutto, va detto che la bava di lumaca può essere prelevata dall’animale in modo indolore e rispettoso, con un procedimento manuale che non produce alcun danno alla lumaca. La specie più utilizzata per ricavare bava è la Helix aspersa, un mollusco gasteropode molto comune in tutto il bacino del Mediterraneo e presente in tutta la penisola italiana. E’ un animale capace di adattarsi bene alle diverse condizioni climatiche e per questo lo si trova nei campi, ai margini dei boschi, nelle radure, ma anche nei giardini e nei parchi delle città. L’Helix aspersa, in realtà, non è propriamente una lumaca ma una chiocciola, avendo un solido guscio che può arrivare ad un diametro di 35 millimetri. Questa specie di mollusco viene allevata anche a scopi alimentari, essendo un ingrediente importante di molti piatti tipici. Ma veniamo alla sostanza che produce e che possiede qualità così interessanti.

L’elicicoltura, ovvero l’allevamento delle chiocciole, viene praticata soprattutto a scopo alimentare, ma altrettanto importanti sono gli aspetti farmaceutici e cosmetici legati a questo settore. I migliori allevamenti sono tenuti all’aperto, lasciando gli animali liberi in un ambiente naturale. Sono utilizzati grandi campi scoperti dove sono coltivate piante come i girasoli, i trifogli, la bieta e insalate varie. I girasoli servono per l’alimentazione delle chioccioline appena nate, mentre le altre piante nutrono gli esemplari adulti. In aggiunta vengono date mele, cavoli, zucche ed altri ortaggi, sempre naturali e senza utilizzare alcun tipo di insetticida o sostanza chimica.

La bava viene ricavata da esemplari adulti, di circa un anno di età.

In sintesi, le chiocciole sono raccolte, lavate e messe in contenitori puliti; qui vengono semplicemente smosse provocando la produzione della bava, che per l’animale è un meccanismo istintivo di difesa. La bava viene raccolta, mentre le chiocciole vengono nuovamente lavate e riportate in allevamento. L’alternativa è quella di stimolare le chiocciole a produrre la bava con una leggera scossa elettrica, che però stressa l’animale e in alcuni casi ne provoca la morte. La stimolazione manuale è più laboriosa, ma assicura un prodotto di qualità e non danneggia gli animali.

La bava raccolta sarà filtrata e subirà processi che la renderanno assolutamente pura.

La composizione della bava di chiocciola, che per semplificare e per rendere immediatamente l’idea viene chiamata semplicemente bava di lumaca, è il segreto della sua efficacia. La bava contiene collagene, un elemento ben conosciuto per la sua capacità di rassodare i tessuti. Non solo la contiene, ma soprattutto ne stimola la produzione da parte dell’epidermide. Nella bava troviamo i mucopolisaccaridi, un nome difficile per un beneficio ben visibile: è grazie a questi elementi che la bava risulta così efficace per la protezione della cute. Essi la idratano, la rendono elastica e resistente agli agenti esterni, come lo smog e il gelo.

L’elastina e l’allatonina sono altri due componenti della bava: prevengono e contrastano i radicali liberi, conferiscono al prodotto il suo alto potere cicatrizzante e stimolano la formazione delle cellule epiteliali. Queste sostanze sono ben conosciute e sono utilizzate da tempo in cosmetica e in medicina; la particolarità della bava di lumache è che le contiene in quantità sufficiente ad essere efficaci. Naturalmente, una volta constatato che la saggezza popolare utilizzava la bava di lumaca per curare i disturbi e le imperfezioni della pelle, la sostanza è stata oggetto di studi attenti. Se ne sono occupati diversi specialisti che hanno confermato le qualità rigenerative ed epitelizzanti della bava. E’ una conferma che torna utile per approfittare in modo mirato delle proprietà di questo prodotto naturale e, per certi versi, stupefacente.

Gli isoenzimi rallentano la degenerazione delle cellule epiteliali.

Una volta appurato che i principi attivi della bava favoriscono la formazione di nuovi strati di pelle è facile immaginare come questo sia utile per migliorare l’aspetto di pelli mature, più o meno rovinate da rughe e segni del tempo. La pelle del viso trae grande giovamento dall’applicazione di bava di lumaca, ma non solo. Le cicatrici migliorano il loro aspetto, così come vengono attenuati i fastidi tipici dell’acne giovanile. La bava sembra efficace anche per un netto miglioramento delle smagliature, un vero tormento per la loro tenacia, una volta che sono comparse.

Dopo che è stata purificata e trattata in modo adeguato, la sostanza emessa dalle chiocciole diventa una comoda crema o un siero, facile da applicare e piacevole come un qualsiasi altro prodotto di bellezza o curativo. L’istintivo senso di diffidenza scompare quando ci si trova di fronte ad una morbida crema o ad un vellutato siero. A secondo dell’uso a cui è destinata, la bava viene addizionata con altri principi attivi che ne aiutano e ne potenziano l’efficacia. Ad esempio l’acido glicolico per curare l’acne, l’olio di Argan o di avocado e l’acido ialuronico per le rughe, le vitamine per idratare. Un’alta concentrazione di principi attivi o la trasformazione in siero è la formulazione ideale per un’efficacia quasi immediata e duratura.

Tra i tanti prodotti in commercio si distingue LeReel, un siero altamente concentrato e arricchito con principi attivi studiati per potenziarne gli effetti. Efficace per tutte le situazioni finora citate, il siero alla bava di lumaca LeReel è tra i prodotti più concentrati e con alta percentuale di bava in commercio. Questo ne fa un rimedio affidabile per i molteplici fastidi, problemi ed inestetismi che affliggono la pelle di adolescenti, adulti e persone di età matura.

Il siero LeReel è composto, oltre che da un’alta percentuale di bava di lumaca, da acqua di rose e D-Pantenolo. La prima è ricca di oli essenziali dalle proprietà rivitalizzanti, mentre il D-Pantenolo, penetrando negli strati più profondi dell’epidermide, apporta un’idratazione della massima efficacia. Per la cura di rughe ed imperfezioni della pelle di viso e collo è sufficiente detergere accuratamente la pelle ed applicare il siero, prima nelle zone che ne hanno più bisogno e poi in modo uniforme. Il trattamento va fatto due volte al giorno, mattino e sera.

La piacevolezza del prodotto è apprezzabile da subito, ma si potranno avere i primi effetti visibili dopo pochi giorni e un miglioramento deciso dopo circa un mese di trattamento. La bava di lumaca è un ottimo prodotto naturale, ma la costanza del suo utilizzo è fondamentale per avere risultati sicuri e duraturi.

Risultati che possono essere riassunti in un breve elenco, che però rende bene l’idea delle potenzialità del prodotto:

– effetto levigante sulla pelle

– distensione delle rughe dal profondo

– maggiore elasticità e tonicità

– colorito uniforme e luminoso

– rafforzamento della pelle nei punti in cui è più sottile e sensibile, come il contorno occhi

– spegnimento delle infiammazioni e quindi sollievo per brufoli ed acne

– effetto rigenerativo delle cellule

– riduzione dei gonfiori.

 

Tutte le creme alla bava di lumaca in commercio si equivalgono?

Certamente no. Una volta deciso l’acquisto è bene valutare con attenzione i componenti del prodotto ed assicurarsi che siano il più naturali possibile. Anche la concentrazione in percentuale di bava è importante per scegliere con accortezza. Chiaramente, più è presente questo ingrediente, migliore sarà la crema e, soprattutto, più sicuro e affidabile il suo effetto. Volendo, si può fare un piccolo sondaggio valutando le opinioni di chi ha già provato il prodotto, in modo da avere dei giudizi da persone che lo hanno già testato. Nel caso di LeReel, molti hanno reso testimonianze sulla loro esperienza di utilizzo del siero a base di bava di lumaca, esprimendo la loro personale opinione.

Il siero LeReel si può acquistare direttamente online sul sito del produttore. Questo non è un problema neppure per chi non ha dimestichezza col computer poiché il sito è ben strutturato e di facile navigazione, anche per i non esperti di acquisti tramite internet. Dopo un’accurata spiegazione di cos’è il prodotto e come agisce, si trova un semplice modulo da compilare ed inviare. Si riceverà la telefonata di un consulente che provvederà alla preparazione e all’invio immediato dell’ordine così come desiderato dal cliente. La merce giungerà a destinazione in pochissimo tempo.

Tra l’altro, visitando il sito si può cogliere l’occasione di trovare offerte molto vantaggiose che consentono di acquistare il prodotto ad un costo concorrenziale. Nonostante la bava di lumaca richieda del tempo per essere prodotta, ricavata dalle chiocciole e trattata in modo da renderla perfettamente adatta all’applicazione sulla pelle, il prezzo non è così impegnativo come all’inizio della sua massiccia comparsa tra i cosmetici più efficaci. Periodicamente Il siero LeReel viene proposto ad un prezzo molto ridotto, per dar modo a tutti di rendersi conto delle sue proprietà e valutare se davvero è così efficace come probabilmente si sarà sentito dire.

Se per molti prodotti e trattamenti ci possono essere dubbi sull’opportunità di fidarsi nell’applicarli sulla pelle, per quel che riguarda la bava di lumaca non ci sono controindicazioni. LeReel ad esempio è anallergico, adatto a tutti i tipi di pelle anche molto sensibili e delicate, a tutte le età e 100% naturale. Il siero LeReel si può aggiungere alle creme che si usano abitualmente, se si preferisce, così da potenziarne gli effetti. In ogni caso, altre creme eventualmente preferite possono essere applicate sul viso e sul collo in contemporanea al siero alla bava di lumaca, senza che ci siano problemi di incompatibilità.

Potrebbe sembrare azzardato definire la bava di lumaca come una sostanza anti invecchiamento, ma se c’è qualcosa che rallenta questo processo naturale, la bava di lumaca contiene tutti gli elementi che, per le conoscenze attuali, si possono definire efficaci per quantomeno rallentare il degenerarsi dell’epidermide. Tra l’altro, la bava di lumaca non è una sostanza che si può ottenere in laboratorio e questo la rende unica e ancora più preziosa. In conclusione, la natura offre rimedi per ogni situazione. Bisogna scoprirli, imparare a conoscerli e a saperli utilizzare, ma anche a farne un uso accorto, con fiducia e senza aspettarsi miracoli in pochi giorni perché i vantaggi dei prodotti naturali sono frutto di un uso costante. Alla luce di tutto questo, ci si può tranquillamente affidare a soluzioni come quella proposta dal siero LeReel alla bava di lumaca che, senza promesse impossibili, ma con descrizioni oggettive offre un prodotto naturale e sperimentato.

Puoi leggere anche: