Dieta veloce per perdere tanti chili

febbraio 14, 2018 Non attivi Di Claudia

Chi vuole perdere chili nel giro di poco tempo, oltre a seguire una dieta specifica, dovrebbe abbinarla a una regolare attività fisica. Se si è affetti da alcuni problemi, come la tiroidite o la gastrite, è bene consultare il proprio medico, per essere sicuri di poter seguire una dieta del genere.

Alcuni punti da considerare quando si fa una dieta veloce

E’ ovvio che una dieta del genere non è per tutti. Per seguirla, bisogna essere in sovrappeso (o essere obesi), e non avere dei problemi legati all’alimentazione, come l’anoressia o la bulimia. Inoltre, bisogna iniziarla con lo stato d’animo adatto, per farla costantemente e serenamente.

Ci sono alcune regole che bisogna rispettare, quando si sceglie una dieta dimagrante rapida. Non deve essere solo priva di cibi grassi, fritti e dolci, ma bisogna variare gli alimenti giusti, senza modificarne le quantità. Se si hanno degli attacchi di fame (soprattutto di natura nervosa), è bene placarla con delle frutta o della verdura.

Un’altra cosa importante è quella di non saltare mai i pasti. Il digiuno è l’ultima cosa che un medico consiglierebbe di fare per perdere peso, perché può solo aumentare l’appetito.

Diversi tipi di diete

Ci sono diverse diete veloci, da poter trovare facilmente su dei siti internet o sulle delle riviste di bellezza e benessere.

Una delle più note, la dieta Plank, che è quasi del tutto priva di fibre e carboidrati, permette di perdere fino a nove o dieci chili, in un arco di tempo che non supera le due settimane. In larga parte, questa dieta comprende delle proteine animali (pollo, pesce, uova, etc.). L’unico tipo di formaggio che si può mangiare è quello svizzero, con pochi grassi, e come tutte le diete dimagranti è priva di zuccheri.

Esiste anche un tipo di dieta Dukan, definita Last minute, che può aiutare, se la si segue per un paio di settimane. Anch’essa è ipoproteica, come la Plank, e funziona pressoché così:

  • il primo giorno bisogna mangiare solo le proteine;
  • il secondo giorno si possono aggiungere anche le verdure;
  • il terzo giorno, si include la frutta, tranne le ciliegie, l’uva, le banane, la frutta secca e i fichi;
  • il quarto giorno, ci si possono concedere dei carboidrati;
  • il quinto giorno, si aggiungono dei formaggi che non superino il 20% di grassi;
  • il sesto giorno, si possono mangiare riso, polenta o pasta;
  • il settimo giorno è possibile mangiare ciò che si vuole.

Queste sopracitate sono solo un paio dei regimi alimentari che si possono seguire, ma l’importante è eliminare del tutto gli zuccheri e, per quanto possibile, i grassi.

Puoi leggere anche: