Come eliminare i punti neri

novembre 28, 2017 Non attivi Di Ubaldo

I punti neri rappresentano uno dei nemici della bellezza più diffusi tra i più giovani, ma non solo: vediamo quali sono le cause della loro comparsa e cosa bisogna fare per eliminarli ed avere una pelle del viso più pulita e priva di imperfezioni.

Cosa sono i punti neri e perché compaiono?

Solitamente i punti neri compaiono sempre nelle solite aree: il naso è la zona più comune, ma possono apparire anche sulle guance, sul mento e intorno alle labbra. Alla base della comparsa dell’inestetismo c’è un’eccessiva produzione di grasso nella pelle: questo sebo va a formare dei veri e propri tappi sull’apertura del canale del follicolo pilifero. Le donne sono più colpite da questo problema (che è comunque molto frequente anche tra gli uomini, che forse gli danno meno importanza), soprattutto durante l’età adolescenziale, quando le ghiandole sebacee sono chiamate ad un superlavoro. Può capitare che anche l’utilizzo di creme troppo oleose o grasse o di determinati trucchi possa favorire la comparsa dei punti neri, figli anche di una mancata o non adeguata detersione. Chi è predisposto a questo problema può notare un aumento dei punti neri anche in caso di eccessivo calore, umidità o stress.

Ovviamente chi nota queste imperfezioni sul proprio volto si chiede come può eliminare i punti neri. La prima soluzione che viene in mente è quella di schiacciarli, ma è un’opzione da scartare, infatti può peggiorare il problema o far comparire delle piccole cicatrici sul viso. Per eliminare i punti neri bisogna invece cercare di seguire delle semplicissime regole: innanzi tutto bisogna fare spesso un’accurata pulizia del viso, poi si deve bere tanta acqua, fare attività fisica, non fumare e seguire un’alimentazione equilibrata, povera di grassi e ricca di frutta e verdura.

Come eliminare i punti neri: soluzioni e rimedi casalinghi

La pulizia del viso può essere fatta anche ricorrendo a rimedi casalinghi: ad esempio si può mettere il volto sopra una pentola di acqua calda all’interno della quale sono stati sciolti due cucchiaini di bicarbonato, coprendo la testa con un asciugamano (ovviamente facendo attenzione a non scottarsi); dopo qualche minuto di esposizione al vapore i porti della pelle saranno dilatati e con l’aiuto di due batuffoli di cotone sarà sufficiente premere leggermente ai lati dei punti neri per farli uscire (come detto prima non bisogna spremere troppo e non si deve insistere su quelli troppo resistenti). A questo punto si potrà lavare il viso con un detergente delicato (gli esperti consigliano i saponi allo zolfo).

È possibile anche utilizzare le maschere specifiche per eliminare i punti neri che si trovano in commercio, ma nulla ci vieta di prepararcene una versione casalinga: se ne può fare una con polvere di argilla verde (si acquista in erboristeria), un paio di gocce di limone e un po’ d’acqua, ma sono valide anche quella realizzata con farina d’avena, un cucchiaino di miele e due di limone e quella composta con la polpa di una mela frullata e i soliti cucchiaini di miele e limone. Dopo aver tolto la maschera (va tenuta 20/30 minuti) si può fare uno scrub a base di miele, limone e bicarbonato per eliminare le cellule morte e liberare i pori.

Altre soluzioni casalinghe per eliminare i punti neri sono rappresentati dall’applicazione sulle zone interessate di dentifricio, miele riscaldato, albume d’uovo (ricoperto da uno strato di carta igienica), olio di oliva, soluzione di limone e sale o pomodori. C’è anche chi, dopo aver aperto i pori con l’acqua calda utilizza una colla non tossica, che va spalmata sulle aree colpite e fatta seccare; quando è asciutta può essere tirata via ed essa trascinerà con sé le impurità.

Puoi leggere anche: