Calorie alimenti: perchè è importante conoscerle

febbraio 23, 2018 Non attivi Di Carmine

calorie degli alimentiQuante calorie contiene un gelato? E il piatto di pasta che hai mangiato per pranzo? Un etto di cioccolato è troppo calorico? Queste sono le classiche domande che ci si pone anche tra amici, a volte per pura curiosità, altre volte per cercare di giustificarsi se si pensa di aver mangiato troppo o male.

Rinunciare al gusto del cibo in effetti è difficile e può rappresentare un gran sacrificio. Inoltre, sembra sempre che i cibi più gustosi siano anche quelli con il maggior apporto calorico e quindi rischiano di far ingrassare.

Ecco quindi che già si può concepire l’importanza di conoscere le calorie degli alimenti per bilanciare la propria dieta in termini di apporto calorico e vivere più tranquilli restando in forma.

Perché conoscere le calorie degli alimenti?

Ogni organismo vivente non può funzionare se non apporta un certo quantitativo di energia a se stesso. Questa energia è data sotto forma di calorie che i un corpo consuma attraverso gli alimenti.

La caloria è un’unità energetica simbolica che assolve proprio alla funzione biologica. Anche l’uomo ha bisogno di immettere nel proprio organismo un certo numero di calorie ogni giorno al fine di mantenersi in vita, agile e attivo. Lo fa consumando cibi di varia natura.

L’importanza di conoscere le calorie offerte dalla maggior parte dei tipi di cibo deriva quindi dalla necessità di valutare l’apporto energetico di quello che ingeriamo.

In ogni individuo l’apporto calorico derivante dagli alimenti deve corrispondere alla qualità che gli è necessaria per sostenere tutte le funzioni vitali.

Il giusto bilanciamento in fatto di calorie è fondamentale per mantenerci in salute, per due motivi:

  • L’eccesso di calorie quotidianamente può portare al sovrappeso e poi all’obesità con tutti i disturbi e malattie correlate a queste particolari condizioni.
  • Invece una eccessiva restrizione calorica comporta altri tipi di problemi. Si può finire sottopeso e si corre il rischio di incorrere in disturbi e malfunzionamenti del corpo nelle sue qualità psichiche e motorie.

La scienza ha calcolato le calorie apportate nel corpo da parte dei 3 nutrienti fondamentali. Ecco cosa ne è venuto fuori:

  • Se si ingerisce un grammo di zucchero si generano 4 calorie
  • Se si mangia un grammo di proteine si generano 4 calorie
  • Se si ingeriscono 9 grammi di lipidi si generano 9 calorie

Conoscere l’apporto calorico dei cibi è fondamentale anche perché permette di bilanciare a perfezione il proprio comportamento alimentare.

Ciascuno di noi infatti ha un fabbisogno calorico quotidiano calcolabile che cambia in base al sesso, l’età, la conformazione fisica etc. Altri fattori importanti sono lo stile di vita del soggetto e la presenza di attività fisica.

Una volta fatte le dovute considerazioni su tutti i fattori che influenzano il proprio consumo energetico sarà possibile procedere a una organizzazione piuttosto precisa della propria vita alimentare al fine di non eccedere o contenersi troppo con il cibo.

Le calcolo delle calorie che si ingeriscono quotidianamente determina se si ingrassi o si dimagrisca. Cosa significa?

Ad esempio se il tuo fabbisogno calorico stimato è di 2500 kcal al giorno e tu attraverso il cibo ne ingerisci 2000 allora dimagrirai. Se invece ne ingerisci 3000 il risultato sarà di ingrassare.

Questo dunque è il principio in base al quale viene strutturata qualsiasi dieta.

Detto questo è chiaro che si possono trarre delle conclusioni come: non è tanto importante ciò che si mangia. Non esistono cibi che fanno ingrassare e cibi dietetici l’importante è guardare alla quantità.

Se si mangiano molti cibi ricchi di grassi e in grande quantità è chiaro che si potrà superare facilmente la soglia quotidiana di apporto calorico, causando la crescita del proprio peso.

Se invece si mangiano prevalentemente cibi a basso apporto calorico come frutta e verdura si possono anche consumare quantità più abbondanti senza temere di sconfinare in quanto a numero di calorie.

Puoi leggere anche: